Simone Maggio

Light dawn | Winds in tunes

Light Dawn è il mio primo disco prodotto da Stefano Mastruzzi , Direttore del Saint Louis College of Music, scuola dove mi sono diplomando e dove adesso insegno…. In realtà, fu proprio Stefano a propormi di registrare un disco ….con mia enorme sorpresa ! In quel periodo, avevo 22 anni e non avevo ancora preso sul serio la composizione , praticavo soprattutto musica di altri come tutti gli studenti di jazz e suonavo molto in progetti di altri musicisti .

Quando mi fu proposto , avevo due scelte : rimanere nella terra del “conosciuto” seguendo sentieri già tracciati e quindi reclinare l’offerta …oppure , accettare da subito questa sfida e affrontare …me stesso …Scelsi la seconda e per me fu l’inizio della… ricerca, nella musica e non solo … scoprii in me una passione per la composizione e per il jazz Europeo e iniziai a far crescere la mia personalità e a coltivarla insieme alla mia intenzione.

Io, Flavio e Rosario, i miei compagni di viaggio dell’epoca , lavorammo duramente per un anno e alla fine nell’estate del 2003 registrammo il disco ….con un ospite speciale; infatti , avemmo l’onore della partecipazione di javier Girotto in tre dei 10 brani del disco….

Simone Maggio

Dopo il conseguimento della maturità artistica si trasferisce a Roma per continuare gli studi musicali, approfondendo lo studio del jazz e quindi dell’improvvisazione e della composizione . Vince due borse di studio presso il Saint Louis College of Music e si diploma nello stesso con il massimo dei voti, esaminato da una commissione presieduta da Enrico Pieranunzi, con il quale continua a studiare per un periodo.

Frequenta i seminari di Siena Jazz, approfondendo l’approccio al suonare in trio con Stefano Battaglia, Paolino dalla Porta e Fabrizio Sferra; inoltre segue i seminari di musicisti italiani e internazionali come Jonh Taylor, Paul Motian, Jack De Jonhette , Marc Jonhson, Enrico Rava, ecc…

Winds in Tunes è un progetto originale in cui composizione e improvvisazione si fondono. E’ nato dall’amicizia di due artisti, Simone Maggio e Emanuele Melisurgo, e da un comune intento volto alla ricerca di un suono intonato con l’essenza umana, di un suono autentico.

“Diciamo che l’ingrediente principale di questo progetto è l’amicizia. Ci siamo conosciuti ed è nato un sincero scambio di idee e di esperienze che nel tempo si è evoluto in quello che oggi è il progetto “Winds in Tunes”. In realtà noi, senza saperlo, abbiamo saputo attendere che la musica arrivasse da sola, sentivamo che un giorno sarebbe accaduto e cosi è stato e ci riteniamo fortunati per questo. Prima di arrivare e decidere di incidere il disco abbiamo condiviso molto esperienze, umane e musicali: ci sono stati concerti, spettacoli teatrali e anche lunghi periodi di “silenzio”… coltivando una sintonia che è sempre stata presente.

Ci stiamo provando…”
Simone Maggio